Parroco - Parrocchia di Quercegrossa

Parrocchia di Quercegrossa
Castelnuovo Berardenga (SI)
Chiesa dei Santi Giacomo e Niccolò
Vai ai contenuti

Parroco

IL PARROCO - don ALESSANDRO GALEOTTI

Dice di Lui un caro e vecchio amico ......
"Cosa volete che vi dica di don Alessandro, che è il vostro Parroco?
Le carte in regola per dire che è uno "studiato" le ha: rimando ad una lista ben piena di impegni di studio e di impieghi nel mondo culturale. Senza dubbio, don Alessandro non proporrà mai risoluzioni o commenti a partire dal banale sentito dire. Questo, se non fa di lui un interlocutore immediatamente tollerabile, lo colloca almeno tra le voci da ascoltare e con cui entrare in relazione.
E, circa l'entrare in relazione con lui, anche in questo ambito proverete sensazioni diverse, che non metto nell'ordine perché un ordine in questo caso non esiste: dipende da chi comincia per primo, in questo caso...
Intendo dire che da una parte vi potrà capitare di ridere a crepapelle con lui, perché sa stare in compagnia e riesce a ridere, talvolta, persino di se stesso; soggetto (lui stesso, intendo) che vi permetterà sempre di trovare motivo di spasso. Ma, d'altro canto, tra una risata intelligente e l'altra, nel caso vi capitasse di leticare (un verbo donmilaniano qui ci sta bene) con lui, ebbene fatevene un punto di onore: il poter litigare con don Alessandro per qualsiasi motivo (e so che riuscirete a farlo, proprio perché a lui basta per davvero "un motivo qualsiasi"...) è segno che ai suoi occhi voi esistete. Se Cartesio diceva "cogito ergo sum", per il nostro Parroco talora potrebbe valere il "letico ergo sum": nella sbraitata, lui si sente esistente, e voi esistete agli occhi e al cuore suo. Non spaventatevi, quindi: ho come l'impressione che la parola tagliente e il volto ingrugnito che talora ci regala non sia altro che un suo modo (non l'unico suo modo...) per dirti "ti voglio bene". E - ve lo dice uno che lo conosce da quando "il Nostro" aveva quattordici anni - don Alessandro sa davvero voler bene. Anche a voi: io ve lo posso assicurare.                                                                                                                                                                                                    

---- Don Guido ----


DON ALESSANDRO nasce a Darfo B.T. lunedì 31 maggio 1971. Battezzato a Corna Camuna il 4 luglio 1971. Cresimato a Corna da mons. Bruno Foresti, Arcivescovo-Vescovo di Brescia, il 3 febbraio 1985.
Entra nel Seminario minore il 17 settembre 1985; consegue la maturità classica presso il Centro Studi “Mons. Angelo Zammarchi" di Brescia nel 1990; frequenta i primi tre anni di formazione filosofico-teologica presso il Seminario Vescovile di Brescia, Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale; gli altri tre anni presso il Pontificio Seminario “Pio XII” di Siena; presta servizio pastorale presso le parrocchie di Vico Alto e in seguito di Montalcino; segue la pastorale vocazionale del Seminario; ordinato diacono il 28 settembre 1996, mentre frequenta l'Università statale di lettere e filosofia di Siena; nominato Correttore della Contrada della Pantera il 1 dicembre 1996 (fino al 17 gennaio 2016); viceparroco di Asciano (SI) dall'aprile 1997; ordinato presbitero il 13 settembre 1997 nella Basilica Collegiata di S.Agata in Asciano da mons. Gaetano Bonicelli, Arcivescovo Metropolita di Siena – Colle Val d’Elsa – Montalcino; nominato parroco della parrocchia di S. Tommaso Apostolo in Valdipugna, prende possesso il 24 ottobre 1999; il 2 ottobre 2003 è nominato assistente diocesano alle Fraternità di Comunione e Liberazione (fino al settembre 2013); nominato amministratore della parrocchia dei SS. Eugenia e Vittore in Siena il 1 marzo 2004, prima per la infermità grave e poi per la morte di don Giorgio Mariottini; guida il percorso dell'Unità pastorale con la precedente parrocchia; è stato inoltre amministratore parrocchiale della parrocchia di S. Niccolò alla Certosa di Maggiano a Siena dal 1 marzo al 24 ottobre 2004.
Nel febbraio 2006 gli viene conferita l'onorificenza della S. Sede della Croce d'oro per i pellegrini di Gerusalemme. L'anno successivo fonda il Centro culturale e pastorale "Benedetto XVI" di Siena, che diventa un luogo di incontro e di approfondimento culturale con le migliori menti del Cattolicesimo italiano.
Il 1° marzo 2013 è nominato co-parroco di Quercegrossa e dopo qualche mese amministratore parrocchiale unico. Dirige la Collana “Strumenti per la Riforma” della Casa Editrice Cantagalli ed è consulente della stessa editrice.
Il 20 ottobre 2017 è eletto membro del Consiglio presbiterale diocesano.


Parrocchia di Quercegrossa - Strada del Chianti Classico, 30 - Castelnuovo Berardenga (SI)   0577 43842
Torna ai contenuti