Parrocchia di Quercegrossa

Parrocchia di Quercegrossa
Castelnuovo Berardenga (SI)
Chiesa dei Santi Giacomo e Niccolò
Vai ai contenuti
CPP - CONSIGLIO PARROCCHIALE PASTORALE

CHE COS'È ?
È l'espressione della comunità parrocchiale che vive e cammina insieme.
È segno di comunione e collaborazione tra Sacerdoti e laici e dei laici tra di loro.
È la risposta all'invito rivolto da Papa Giovanni Paolo II ai laici: “Siete Chiesa! [...] e lo dovete dimostrare anche con una aperta comunione e collaborazione fra i vostri diversi carismi, le diverse forme di apostolato e di servizio, promuovendo la vostra integrazione nelle Chiese Particolari e nelle comunità parrocchiali, dove si riunisce e si raccoglie abitualmente la famiglia di Dio”.

CHE COSA FA ?
Promuove, sostiene, coordina, verifica tutta l'attività pastorale della parrocchia, al fine di suscitare la partecipazione attiva delle sue varie componenti nell'unica missione della Chiesa: evangelizzare, santificare e servire l'uomo nella carità.
Ha carattere consultivo: è chiamato a porsi in ascolto del Signore che guida la sua Chiesa, a leggere i segni dei tempi alla luce della fede.
Fa costantemente riferimento ai principi Dottrinali e pastorali espressi dalla Chiesa universale e dalla Conferenza Episcopale Italiana, nell'osservanza delle norme dettate dal Diritto Canonico e delle disposizioni e indicazioni del Vescovo Diocesano.
Ha carattere consultivo. Esso esprime l'intera comunità parrocchiale. Ciascun membro è chiamato a guardare alla vita della comunità nel suo insieme; così ogni soggetto particolare diventa un dono per l'edificazione dell'unica comunità. L'importanza e l’essenza del Consiglio Pastorale Parrocchiale è stabilita dal Diritto Canonico (che è la legge della Chiesa) ed è continuamente ribadita dai documenti che dicono chiaramente che i movimenti e le associazioni delle parrocchie non sono il governo della Chiesa, in quanto essi non appartengono al governo della Chiesa, che invece appartiene al parroco che lo "gestisce" con il CPP.

È compito del CPP esprimere criteri e proposte operative per promuovere in special modo:

a) la pastorale dei Sacramenti e la pastorale liturgica;
b) la catechesi, la scuola catechistica e le iniziative di formazione;
c) la pastorale delle vocazioni speciali;
d) l'attuazione del precetto dell'amore;
e) la pastorale della famiglia e la preparazione al sacramento del matrimonio;
f) l'apostolato dei laici in tutte le forme associative approvate dall'autorità ecclesiastica;
g) la cooperazione missionaria;
h) l'organizzazione delle strutture e dei servizi parrocchiali.
Il CPP provvede a stabilire ogni anno un programma concreto di azione pastorale.


DA CHI È FORMATO ?
È formato da cristiani che sono chiamati a vivere l'esperienza di fede e comunione ecclesiale nella collaborazione e nel servizio.
Il Parroco è membro di diritto e presidente del Consiglio pastorale.
IL CPAE esprime un suo rappresentante all’interno del CPP.
Oltre ad essi ne fanno parte membri eletti dalla comunità (nella nostra parrocchia 6), e membri nominati dal parroco (5).
Il Consiglio Pastorale Parrocchiale dra in carica cinque anni.
Dopo l’elezione del nuovo CPP, spetta all’Arcivescovo approvare l’elezione compiuta.
Il CPP alla sua prima riunione ordinaria nomina al suo interno un segretario che ne redige i verbali, da approvarsi all’inizio della seduta successiva, e convoca il CPP stesso su incarico del Parroco.

CHI PUÒ VOTARE PER IL SUO RINNOVO ?
Possono votare tutti i parrocchiani che abbiano compiuto i 16 anni di età.
Chi può essere eletto ? Possono essere votati ed eletti tutti coloro che abbiano compiuto i 18 anni di età, purché siano di fede cattolica, cresimati, vivano la vita della comunità, siano disponibili al servizio.

Membri del Consiglio Pastorale della Parrocchia di Quercegrossa

- Don Alessandro Galeotti
- Collet Alberto
- Collet Daniele
- Francheschini Deborah
- Danièle Garaccio
- Lorenzini Graziella
- Mancusi Rossano
- Marconi Francesco
- Moretti Roberto (Rappresentante del CPAE)
- Paletti Simone
- Pellis Andrea
- Petrioli Gabriele
- Virga Cinzia



CPAE - CONSIGLIO PARROCCHIALE AFFARI ECONOMICI

Il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici (CPAE) viene costituito in ogni parrocchia a norma del can. 537 con decreto dell’Ordinario.
A norma dei cann. 537 e 532, il Presidente del CPAE è il Parroco; egli rappresenta la Parrocchia a norma di diritto in tutti i negozi giuridici; al Parroco con il suo consiglio compete il dovere di una buona amministrazione, avvalendosi anche all’aiuto di altri esperti, nominati da lui. Il compito dei consiglieri per gli CPAE sono di aiutare il parroco con il consiglio nell’amministrazione dei beni appartenenti alla parrocchia, di collaborare con il Parroco per il reperimento dei beni necessari alla Parrocchia, di informare i fedeli sull’andamento economico della Parrocchia.
Il CPAE ha durata triennale e le nomine dei nuovi membri devono essere comunicati all’Arcivescovo e all’Economo diocesano. Il CPAE esprime un suo membro come membro di diritto del CPP.
Il CPAE ha funzione consultiva; tuttavia il parroco deve tener conto del parere del Consiglio e non può discostarsene senza giusta e grave causa. Il CPAE, in ottemperanza alle disposizioni dell’ordinario diocesano e alle indicazioni del Parroco, predispone a tempo debito, il bilancio preventivo e consultivo delle entrate e uscite.
Il Parroco è tenuto, ogni anno, entro la fine del mese di Marzo, a presentare all’ordinario diocesano il bilancio consuntivo dell’anno precedente approvato dal CPAE.

Membri del CPAE della Parrocchia di Quercegrossa

- Don Alessandro Galeotti
- Bandini Emanuela
- Moretti Roberto
- Dott. Paletti Simone
Parrocchia di Quercegrossa - Strada del Chianti Classico, 30 - Castelnuovo Berardenga (SI)   0577 43842
Torna ai contenuti